La mia verità su Giulio Marsala
la mia verità su Giulio Marsala e le opinioni che si trovano su Internet
Show MenuHide Menu

Giulio Marsala: ne parlano male?

Quando mi sono messo a cercare informazioni su Giulio per capire il suo background professionale ero andato inizialmente a cercare Giulio Marsala su Linkedin (ma non c’era granché).

Poi ricordo bene che ho girovagato su Internet alla ricerca di commenti sui suoi prodotti.

Purtroppo non mi sono trovato bene: ho trovato parecchio materiale contrastante.

Da una parte interviste a Giulio Marsala come questa, dall’altra articoli come questo o opinioni di singoli clienti dei corsi di Giulio.

Alla fine dopo ore di ricerca su Giulio Marsala non ci avevo capito granché.

Avevo solo capito che:

- in giro si diceva che su Adwords lui era il top. Questo addirittura lo dicevano i detrattori
- ho trovato qualche opinione negativa sugli ac leaks leaks (ma poi ho scoperto che non li ha fatti lui, per cui l’autore dell’opinione non ha nemmeno capito da chi stava acquistando)
- ho trovato un paio di personaggi “strani” (uno me lo ricordo che aveva non so cosa, un anello sul naso forse) che dicevano di essere stati truffati, ma a dire la verità sembravano piuttosto strambi (e forse erano profili falsi)
- ho trovato le slide con la “sintesi e le opinioni su Giulio Marsala

Insomma: per fartela breve alla fine mi sono buttato e ho acquistato la guida su AdWords con molti dubbi in testa.

Ma poi, una volta verificata la (altissima) qualità della guida mi sono convinto ad acquistare anche diversi prodotti di Acquisire Clienti trovandomi, per la maggior parte di loro, molto bene (solo un paio le eccezioni, risolte comunque con una email al servizio clienti).

Dopo questa esperienza non ci ho messo molto a capire i motivi di certi commenti. Probabilmente erano scritti da persone in malafede (o concorrenti). Uno addirittura guadagnava come affiliato parlandone male (robe da matti).

Lo so perché dopo essere diventato, ormai da diverso tempo, cliente di Giulio e di Acquisire Clienti, non può che essere quello il motivo.

Certo la persona normale non se ne accorge ovviamente, ma un addetto ai lavori come me ci mette poco a riconoscere il link.

Insomma: alla fine provare mi ha fatto capire dove stava la verità.

Mi ha fatto capire che chi ne parlava male era anche esperto nel farlo: ovvero non scriveva il classico “commento” da utente inesperto. Invece scriveva un commento attento alle regole del SEO. Forse era pagato da qualcuno che aveva messo in atto una strategia per screditarlo?

Insomma: mi sono reso conto che la concorrenza ai tempi dei social è anche questa.

Alla fine uno per capire, deve provare.

Io ho provato: e oggi sono molto contento di averlo fatto.

Prova anche tu con la guida Adwords, e poi fammi sapere.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *